skip to Main Content

Inversione di tendenza per il fotovoltaico: cosa frena l’espansione degli impianti su tetto in Germania e come può aiutare Sun Contracting?

Nell’autoproclamatosi “stato del sole” della Baviera il fotovoltaico non sta rallentando la sua espansione, ma attualmente avviene meno sui tetti che sui terreni e spazi aperti liberi. Uno sviluppo desiderabile purtroppo solo parzialmente, in quanto i tetti offrono prima di tutto un enorme potenziale fotovoltaico.

 

Per l’ampliamento delle rinnovabili in Baviera il fotovoltaico gode di un posto in prima linea, soprattutto poiché per quanto riguarda l’eolico vige una disposizione che imporrebbe una distanza minima da un agglomerato abitativo. Ci si pone quindi una domanda: qual è allora il motivo per cui gli impianti fotovoltaici su tetto diminuiscono?

 

La maggiore disponibilità di superfici libere

 

Una delle ragioni del perché il fotovoltaico a terra stia attualmente vivendo un boom, è che sempre più land tedeschi, tra cui anche la Baviera, mettono a disposizione sempre più terreni agricoli e aree verdi libere in zone svantaggiate per la costruzione di impianti fotovoltaici. La metà di tutti i parchi solari in gara in Germania quest’anno sono stati assegnati alla Baviera.

 

La legge EEG fa da freno

 

A frenare ulteriormente l’espansione del fotovoltaico sui tetti ha contribuito anche l’emendamento della legge sulle rinnovabili (EEG), approvato finalmente quest’anno. Gli impianti fotovoltaici con una potenza superiore a 300 kWp sono soggetti all’obbligo di gara d’appalto, cosa che ovviamente colpisce in prima linea i settori commerciale e agricolo. In tal modo si perdono buoni investitori e un enorme potenziale nel settore fotovoltaico.

 

Preferenza per i tetti

 

Questo sviluppo è soprattutto problematico per il raggiungimento degli obiettivi climatici molto ambiziosi che l’Unione Europea ha dettato. Anche per un sensato risparmio di superfici sarebbe necessario invertire questo trend. Il gruppo Sun Contracting si fa avanti qui con il giusto approccio. Con il suo Contracting fotovoltaico, punta a utilizzare superfici già costruite e sigillate, quindi tetti principalmente, per produrre energia sostenibile e verde.

 

Fotovoltaico senza costi di investimento

 

Il Contracting fotovoltaico parte con l’affitto di un tetto da parte del gruppo Sun Contracting. Il proprietario del tetto che mette quella superficie a disposizione viene denominato beneficiario del Contracting. Sun Contracting utilizza il tetto per la costruzione di un impianto fotovoltaico, occupandosi poi della gestione, della manutenzione e assistenza per tutti i 20 anni o più di accordo Contracting. Così, oltre all’incremento della quota di elettricità verde ecologica, il beneficiario del Contracting ottiene un pagamento mensile sotto forma di locazione o affitto per la messa a disposizione dello spazio di sua proprietà.

 

Ritratto aziendale

Il gruppo Sun Contracting è da più di undici anni presente nel settore del fotovoltaico. Particolare notorietà è stata ottenuta dal gruppo nella zona di lingua tedesca grazie al suo innovativo concetto energetico Contracting fotovoltaico. Questo permette a Sun Contracting di prendere in affitto o locazione superfici già impermeabilizzate su cui installare e gestire impianti fotovoltaici. Il gruppo è attivo anche nel campo degli investimenti sostenibili. Sun Invest AG, figlia controllata del gruppo, ha da poco emesso due obbligazioni. Queste, denominate Sun Invest Registered Euro Bond 2021 e Sun Invest Registered CHF Bond 2021, sono sottoscrivibili direttamente online dal sito dell’emittente.